Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Testi alternativi per il futuro

2 Febbraio | 10:00 - 18:00

Dal 2021 Spazio Kor ha intrapreso un percorso di sperimentazione di pratiche e messa in accessibilità degli spettacoli della stagione. Da questo percorso nasce la volontà di creare uno spazio di discussione e co-progettazione per operat* del settore performing arts per confrontarsi e trovare soluzioni comuni alle criticità ed esigenze di un tema tanto urgente e rilevante oggi. Nasce così TESTI ALTERNATIVI PER IL FUTURO. Riflessioni e azioni verso l’accessibilità̀ sostenibile, un convegno sull’accessibilità organizzato da Spazio Kor il 2 febbraio 2024 e aperto a operat*, artist*, centri culturali, spazi di produzione, teatri.

TESTI ALTERNATIVI PER IL FUTURO sarà prima di tutto un’occasione di scambio e conoscenza tra chi opera nel settore delle performing arts e ha iniziato o desidera cominciare a ragionare sui temi dell’accessibilità culturale. La proposta che lancia Spazio Kor è quella di superare la logica di best practise per sviluppare insieme un vocabolario comune e affrontare le sfide di sostenibilità che le pratiche di accessibilità ci propongono.

 

Programma

02/02/24  Dalle ore 9.30 alle ore 18
Spazio Kor – ingresso da piazzale Lavazzeri

9.30-10:00
Accoglienza e registrazione partecipanti

10:00-11:00
Saluti istituzionali

Intervengono:

Donatella Ferrante – Ex dirigente Mic DGS

Matteo Negrin – Direttore Fondazione Piemonte dal vivo 

Paride Candelaresi – Assessore alla Cultura Comune di Asti 

Enrico Melis – Obiettivo Cultura della Fondazione Compagnia di San Paolo

___________

11:00-12:00
Accessibilità come scelta politica ed estetica 

Modera: Luisella Carnelli – Fondazione Fitzcarraldo

Intervengono:

Fabiana Sacco e Francesca Cortese – Spazio Kor

Chiara Bersani e Giulia Traversi – Direzione artistica Spazio Kor

Dalila D’Amico Al.Di.Qua. Artists  contributo video 

Elia Zeno CovolanAl.Di.Qua. Artists 

___________ 

12:00-12:30
Pausa caffè

___________ 

12:30-13:00
Pratica accessibile
condotta da Chiara Bersani

___________ 

13:00-14:30
Pausa pranzo 

___________ 

14:30-15.45
The iconic toolkit  (Il kit iconico

Introduce: Nandita Vasanta – Project leader Fellowship Risktakers, membro di SUPERRR LAB

Workshop interattivo condotto da Elia Zeno Covolan con l’utilizzo di carte e strumenti sviluppati nel Programma di Fellowship “Risktakers – Daring to shape new digital futures” di Allianz Foundation e SUPERRR LAB

Intervengono:

Mauro Meneghelli – Gender Bender

Mauro Danesi – Orlando Festival 

___________ 

15:45 – 16.00
Accessibilità digitale: la parola d’ordine per il futuro

Interviene:

Dajana Gioffrè – Chief Visionary Officer Accessiway

___________ 

16:00-16:30
Pausa caffè

___________  

16:30 – 17:30
Per una accessibilità sostenibile: la riproducibilità e la scalabilità delle pratiche accessibili 

Tavola rotonda interattiva

Moderano: Luisella Carnelli – Fondazione Fitzcarraldo e Elia Zeno Covolan – Al.di.Qua. Artists

Intervengono:

Maria Pieri Ricercatrice Università di Coimbra 
Malattie croniche e accessibilità: le trame dell’invisibilità

Carla RealeAssegnista di Ricerca Università di Genova
Verso un nuovo futuro politico e legislativo in termini di accessibilità

Chiara Bersani e Giulia Traversi – Co-direzione artistica Spazio Kor
Rappresentazione e circolazione di artisti con disabilità in Italia

___________ 

17:30 – 18:00
Conclusioni

 

È garantito il servizio di interpretariato LIS per l’intero convegno.

ISCRIZIONI CHIUSE

Fabiana Sacco – She/Her
Responsabile organizzativa – Spazio Kor

Si è avvicinata al teatro nel 2006 con il Servizio Civile Nazionale svolto presso il Teatro Alfieri di Asti. L’anno successivo ha iniziato a collaborare con Il Teatro di Dioniso, sviluppando maggiori competenze nell’organizzazione e promozione di eventi. Negli anni ha collaborato con diversi teatri a livello regionale, tra cui il Teatro della Caduta e Mirabilia Festival, dove ha svolto la mansione di responsabile delle residenze artistiche Terre di Circo. Dal 2010 si è occupata dell’organizzazione e accoglienza del Festival Astiteatro e del Concorso Scintille. Nel 2015 è stata assistente della direzione artistica per Pippo Delbono. Dal 2016 è responsabile organizzativa dello Spazio Kor e si occupa di progettazione per l’Associazione CRAFT. Dal 2020 è responsabile organizzativa del Festival Astiteatro.

Francesca Cortese – She/Her
Responsabile accessibilità – Spazio Kor

Francesca Cortese è community manager e responsabile dell’accessibilità di Spazio Kor. Facilita le esperienze negli spazi culturali con un approccio audience oriented, sviluppa attività e percorsi per rendere i contenuti artistici accessibili a diversi tipi di pubblici, costruisce relazioni e dialoghi tra artisti, performance e spettatori. Dal 2021 è referente dei percorsi di accessibilità coordinando le azioni tra staff operativo interno, artist* ospiti e l’associazione Al.di.Qua Artists, individuando le soluzioni più efficaci per rendere gli spettacoli accessibili a persone con disabilità sensoriali e fisiche o persone con neurodivergenza.

Chiara Bersani – She/Her
Co-Direzione artistica – Spazio Kor

Chiara Bersani (classe 1984) è un artista italiana attiva negli ambiti delle arti visive e performative. Il suo percorso formativo si svolge prevalentemente nel campo della ricerca teatrale con contaminazioni dalla danza contemporanea e dalla Performing Art. In qualità di attrice / performer ha collaborato con importanti realtà della scena contemporanea europea tra cui Lenz Rifrazioni (IT), Alessandro Sciarroni / Corpoceleste_C.C.00 (IT), La Tristura (E), Rodrigo Garcia (E), Jérôme Bel (FR), Babilonia Teatri (IT). Avvia nel 2016 un progetto di co-creazione con il coreografo Marco D’Agostin basato sulla rispettiva vicinanza politica, etica e artistica. La prima creazione, The Olympic Games viene supportata a livello internazionale con la co-produzione tra K3 | Kampnaghel (Hamburg) e il progetto europeo BeSpeectACTive!Il percorso con D’Agostin continua attraverso l’opera in fieri FORMAZIONI.La sua prima opera autoriale coreografica, Family Tree, ha ricevuto diversi riconoscimenti nazionali tra cui il premio Prospettiva Danza 2011 e l’inserimento della pièce all’interno di NID Paltform 2014. Affetta da una forma medio-grave di Osteogenesi Imperfetta si interessa al significato politico dei corpi avviando nel 2013 un progetto di ricerca articolato in tre esperimenti performativi che verranno presentati al pubblico tra l’Agosto 2015 e il settembre 2016: Tell Me More (performance con un coro di 8 voci maschili), Miracle Blade (movie con una famiglia disfunzionale) e Goodnight Peeping Tom (performance con un giovane uomo, una giovane donna, una persona disabile, una porno attrice, un transgender).

Giulia Traversi – She/Her/They/Them
Co-Direzione artistica – Spazio Kor

Cerignola, 1987. Dopo la maturità classica si iscrive al corso di laurea in Lettere e Filosofia dell’Università di Pisa con una specializzazione in Teatro come drammaturgia e spettacolo, consegue il titolo con una tesi sulla scrittura scenica di Carmelo Bene. A seguire, sempre all’università di Pisa, si laurea con una votazione di 110 e lode nel corso specialistico Storia e forme della arti visive, dello spettacolo e dei nuovi media con una tesi sull’Antigone della compagnia riminese Motus.
Dal 2007 al 2010 collabora come redattrice alla rivista di critica teatrale Atti e Sipari e segue un corso di formazione sulla promozione teatrale coordinato dalla Fondazione Toscana Spettacolo. Nel 2014 lavora all’importante piattaforma della danza italiana NID.
Ha lavorato dal 2014 al 2018 presso il Teatro Nazionale della Toscana sede di Pontedera, Teatro Francesco di Bartolo di Buti, La Città del Teatro di Cascina, Il Cinema Lumiere di Pisa curando la promozione e la comunicazione delle seguenti strutture. Ha collaborato con Teatropersona e Irene Russolillo. Attualmente lavora per la diffusione e la produzione nell’ambito della performing arts seguendo gli artisti dell’associazione culturale corpoceleste: Alessandro Sciarroni, Chiara Bersani e Francesca Grilli.

Dalila D’amico – She/Her
Curatrice e ricercatrice indipendente

Flavia Dalila D’Amico è una studiosa e curatrice nel campo delle arti performative. I suoi interessi di ricerca si rivolgono alle intersezioni tra corpi, soggettività politiche e tecnologie nell’ambito delle arti performative. Nel 2022 ha pubblicato il volume Lost in Translation. Le disabilità in scena (Bulzoni Editore) che indaga la relazione tra le disabilità e il teatro. Fa parte dell’associazione Al. Di. Qua. Artists e cura la comunicazione di ORBITA| Spellbound Centro Nazionale di Produzione della Danza.

Luisella Carnelli – She/Her
Senior researcher
Fondazione Fitzcarraldo

Dopo un dottorato in teoria e storia della rappresentazione drammatica e un master in imprenditoria dello spettacolo, si appassiona di metodologia della ricerca sociale, audience engagement e audience development, processi creativi a base partecipata e tutto ciò che apre nuove porte per comprendere la complessità dei fenomeni culturali e renderli accessibili, convinta che la partecipazione culturale sia diritto inalienabile dell’umanità e condizione fondante per avviare società eque ed inclusive.

Elia Zeno Covolan – They/Them
Consulente per l’accessibilità e membro di Al.Di.Qua Artists

Elia Zeno Covolan (they/them) è un* graphic designer, consulente per l’accessibilità, formator* e illustrator*. È stato fellow nel 2023 del programma Risktakers di SUPERRR LAB e della Fondazione Allianz. Cura l’immagine visiva della Fondazione Treat it Queer e dei progetti di ricerca Chroniqueers e Divers. È membro di Al.Di.Qua Artists, prima associazione italiana di categoria di persone con disabilità nel mondo dello spettacolo. Come formator* e facilitator*, accompagna no profit, università e professionist* a creare spazi e contenuti inclusivi e accessibili. Il suo lavoro si concentra sulla creazione di contenuti inclusivi, che pongano al centro le soggettività marginalizzate e sulla traduzione di concetti complessi in forme visive e testuali accessibili. Utilizza un approccio multidisciplinare e intersezionale nel suo lavoro, combinando strumenti di sociologia qualitativa, design thinking e studi queer e crip. È una persona trans, non binaria, neurodivergente e con disabilità.

Nandita Vasanta – She/Her
Project Lead. – SUPERRR Lab

Nandita è membro di SUPERRR Lab ed è stata la responsabile del programma di Fellowship Risktakers. Con una formazione in arti comparative, Nandita ha una vasta esperienza nella pianificazione e nell’implementazione di programmi nel settore delle arti, della cultura e della scienza. Ha curato numerosi progetti, eventi ed esposizioni esplorando le intersezioni di varie discipline con la magia della collaborazione. Spinta da un grande interesse per il supporto alla costruzione di spazi inclusivi e aperti, ha lavorato con numerosi partner e organizzazioni, occupandosi della facilitazione di nuove forme di democratizzazione, partecipazione e scambio di conoscenze. In qualità di coach certificata e mediatrice, ama facilitare ed agevolare lo scambio comunicativo, accompagnando gruppi e individui verso un’interazione reciproca più sincera e consapevole.

Mauro Danesi – He/Him
Orlando Festival

Mauro Danesi è un curatore di progetti artistici. Nel 2013 fonda il Festival multidisciplinare internazionale ORLANDO (Bergamo, IT) che dirige fino al 2023, interessandosi alle prospettive queer e alle potenzialità di impatto sociale della cultura. Dal 2019 è creative producer per la compagnia Silvia Gribaudi Performing Arts (IT), occupandosi di promozione, consulenza e sviluppo. Dal 2022 inizia a curare la diffusione dei progetti del collettivo artistico svizzero Trickster-p (CH).

Mauro Meneghelli – He/Him/She/Her/They/Them
Gender Bender Festival

Mauro Meneghelli vive a Bologna, lavora a Gender Bender e ne cura la co-direzione artistica dal 2019. Si occupa di arti performative, letteratura e cinema, con un’attenzione specifica ai pubblici e ai processi partecipativi. Da alcuni anni coordina il gruppo di lavoro interno a Gender Bender che si occupa di migliorare l’accessibilità del festival.

Dajana Gioffrè – She/Her
Chief Visionary Officer Accessiway

Psicologa abilitata a pieni voti (albo A) specializzata in psicologia del lavoro ed Universal Design, completa la sua formazione professionale nell’ambito della psicologia della riabilitazione delle persone con disabilità e si specializza in diritti delle persone con disabilità attraverso un corso dedicato, presso l’Università Statale di Milano. A seguito di un’esperienza quinquennale nell’ambito del recruitment e delle risorse umane all’interno di una multinazionale del settore, porta avanti la carriera associativa diventando Vicepresidente di un’Associazione di tutela dei diritti delle persone con disabilità (affiliata alla FISH) e lavorando come assegnista di ricerca per le Università di Torino e di Bolzano collaborando alla prima ricerca sull’Abilismo in Italia e a ricerche su benessere lavorativo e disabilità. Oggi Chief Visionary Officer in AccessiWay, occupandosi della trasmissione della Vision aziendale tra i colleghi e all’esterno.

Mara Pieri – She/Her
Ricercatrice Università di Coimbra

Ricercatrice presso il Centro di Studi Sociali dell’Università di Coimbra. Si occupa di studi critici sulla disabilità, teoria queer e sociologia della salute e della malattia. Ha sviluppato il progetto di ricerca e divulgazione “Chroniqueers”, sulle esperienze delle persone LGBTQ+ con malattia cronica. Attualmente lavora a “DIVERS”, ricerca sull’accesso ai servizi sanitari per le persone LGBTQ+. Lavora inoltre come consulente in comunicazione inclusiva e comunicazione della scienza.

Carla Reale – She/Her
Assegnista di Ricerca Università di Genova

Carla M. Reale è assegnista di ricerca presso l’Università di Genova e docente presso l’Università di Trento, di Teramo e la Libera Università di Bolzano. Nelle sue ricerche, fortemente interdisciplinari, indaga il rapporto fra corpi, identità e diritti fondamentali nel prisma del principio di eguaglianza. Dalla sua ricerca di dottorato trae spunto il lavoro “(In)visible bodies: disability, sexuality and fundamental rights” (Editoriale scientifica, 2022). Dal 2021 è parte del direttivo del Centro Studi Interdisciplinari di Genere dell’Università di Trento.

Dettagli

Data:
2 Febbraio
Ora:
10:00 - 18:00
Categoria Evento:

Organizzatore

Spazio Kor
Phone
327 844 7473
Email
info@spaziokor.it
Visualizza il sito dell'Organizzatore

Luogo

Spazio Kor
piazza San Giuseppe
Asti, AT 14100 Italia
+ Google Maps
Translate »